Corso di Fotografia – 07 – Come Fotografare in Controluce

Cormorano-in-controluceCroce e delizia di ogni fotografo, il controluce è uno degli ostacoli che più frequentemente un fotografo si trova ad affrontare.

Il termine “controluce” definisce la condizione per la quale la fonte di luce che illumina il soggetto, colpisce il soggetto alle spalle anziché illuminare il soggetto frontalmente.

Sarà capitato anche a te – almeno un a volta – di scattare in controluce e ottenere una silhouette. In alcuni casi in fotografia questo effetto viene spesso ricercato: per esaltare forme e contorni di un soggetto, sfruttando a proprio favore i riflessi del sole in controluce, oppure essere di ostacolo allo scatto impedendo di ottenere il soggetto correttamente esposto.

Ti farò una confessione: le foto migliori si ottengono in controluce. Continua a leggere

Annunci

Corso di Fotografia – 02 – Prima Reflex, Come Uscire Dalla Spirale Dei Modi Scena

Modi-scenaQuando ho acquistato la prima fotocamera Reflex nel lontano 2009, ricordo ancora una Nikon D3000, anche io come te ho cominciato a muovere i primi passi in fotografia con i Modi scena.

Il motivo?

Vedere sulla ghiera di selezione modo i Modi scena (o SCENE) in qualche modo mi rassicurò, provenivo da una fotocamera compatta.

È per questo motivo, che i Modi scena sono da sempre presenti su fotocamere Reflex di fascia economica.

Non sai ancora gestire autonomamente i parametri di scatto, pulsanti e ghiere di comando ti spaventano. Continua a leggere

Corso di Fotografia – 06 – Esporre per le alte luci, sviluppare per le ombre

Un aspetto di cui non si può fare a meno di parlare quando si affronta l’argomento esposizione in fotografia digitale, e in particolare quando si scatta nel formato RAW, è il concetto di esposizione a destra.

L’esposizione a destra rappresenta il metodo migliore per sfruttare a pieno la gamma dinamica del sensore.

Schermata-Istogramma

Quando si dice “a destra” si intende la parte destra dell’istogramma, quella relativa alle alte luci, e consiste nel regolare l’esposizione affinché la maggioranza delle informazioni dello scatto vadano a collocarsi nella parte destra dell’istogramma. In fotografia digitale è preferibile esporre per le alte luci, e sviluppare per le ombre. Viceversa, con la pellicola si esponeva per le ombre, e si sviluppava per le alte luci (Ansel Adams)

Se bene a prima vista possa apparire discutibile come metodo di lavoro, in modo particolare per chi proviene dalla pellicola, rappresenta invece il modo  migliore di esporre in fotografia digitale. Continua a leggere

Corso di Fotografia – 05 – L’Esposimetro e il Tono Medio

Dopo avere introdotto l’argomento esposimetro (interno), nella quarta parte dell’articolo, approfondendo i diversi modi di misurare l’esposizione – per ottenere uno scatto esposto correttamente – è fondamentale comprendere il funzionamento alla base di tale dispositivo.

Come-vede-un-esposimetroPer primo è necessario partire dal presupposto che l’esposimetro non “vede” la scena inquadrata come la vediamo noi. Che tu ci creda o no, indifferentemente dal soggetto inquadrato, l’esposimetro “vede” sempre la scena inquadrata come un tono medio e come tale la restituirà in automatico.

Sapere come “ragiona” l’esposimetro è quindi per noi di fondamentale importanza, ci permette di prevedere con una certa approssimazione il risultato fornito dalla lettura dell’esposimetro e, intervenire di conseguenza sulla compensazione dell’esposizione.

Continua a leggere

Corso di Fotografia – 04 – Misurare l’Esposizione: Matrix, Spot e Ponderata Centrale

Giunti a questo punto non rimane che introdurre l’argomento esposimetro: lo strumento che permette alla fotocamera di misurare la luce.

L’esposizione come avrai imparato è influenzata da tre parametri: tempo di scatto, diaframma e sensibilità ISO. La fotocamera per semplificare la scelta di suddetti parametri, ed esporre correttamente per il soggetto, mette a disposizione diversi modi di esposizione quali: A, S, P e M.

Nel modo a priorità di diaframma dato un determinato diaframma la fotocamera imposta in automatico un tempo di scatto, viceversa nel modo a priorità di tempi dato un tempo di scatto la fotocamera imposta in automatico un valore di apertura del diaframma.

Sulla base di quale criterio la fotocamera calcola i parametri di scatto più idonei?

Continua a leggere