Come Sfruttare al Meglio la nostra Nikon D7000

La Nikon D7000 consente una gestione più rapida e flessibile dei parametri dello scatto.

Merito soprattutto della sua ergonomia, a differenza della Nikon D3000, non obbliga più a passare da menù nel qual caso sia necessario variare un parametro dello scatto.

Di Nikon D7000 si potrebbe parlare a lungo e, la lista si arricchirebbe, ho voluto riassumere davvero gli aspetti a mio giudizio più pratici nell’uso quotidiano della Nikon D7000.

Orizzonte virtuale nel mirino

Consente di visualizzare un comodo orizzonte virtuale direttamente nel mirino della Nikon D7000. L’opzione si rivela estremamente utile associata al pulsante Fn o al pulsante anteprima profondità di campo quando si scatta a mano libera in assenza di un treppiede e bolla a slitta. Per maggiori informazioni fare riferimento all’articolo “Nikon D7000: Orizzonte Virtuale Nel Mirino

Menù impostazioni > Orizzonte virtuale

Impostazioni Utente: modi U1 e U2

Perché adoro questa funzione e perché dovresti anche tu.

Supponiamo che tu sia appassionato come il sottoscritto di fotografia naturalistica, e che tu sia solito andare a fotografare in Oasi.

Le impostazioni di scatto che uso in Oasi sono praticamente sempre le stesse, o almeno parto sempre dalle medesime modificandole poi all’occorrenza.

Es. Priorità di diaframma, f/5.6, ISO 400, Regolazione ISO agevolata, Messa a fuoco con pulsante AF-ON (AE-L/AF-L), Modo AF-C con Priorità allo scatto, Area dinamica 9 punti, etc.

Quanto sarebbe utile se la Nikon D7000 ricordasse per noi tutte queste impostazioni? Bene. Le impostazioni Utente (U1 e U2) servono proprio a questo. In pratica sarà possibile memorizzare le impostazioni di scatto che si usano più frequentemente senza avere la necessità di configurare ogni volta la Nikon D7000.

La sola cosa che dovrò ricordare una volta arrivato in Oasi sarà quella di selezionare “CH” (o continuo ad alta velocità), a partire dalla ghiera del modo di scatto, al fine di avere una raffica veloce, e successivamente “U2”, a partire dalla ghiera di selezione modo, per richiamare istantaneamente le impostazioni predefinite. <<Take life easy!>>

Menù impostazioni > Salva impostazioni utente

Regolazione ISO agevolata

La Nikon D7000 consente di associare alla ghiera inutilizzata al momento la funzione di incremento manuale della Sensibilità ISO. In questo modo non si ha più necessità di distogliere lo sguardo dal mirino, premere il pulsante ISO, e ruotare la ghiera posteriore. Semplicemente continuando ad inquadrare la scena è possibile variare la Sensibilità ISO ruotando la sola ghiera al momento inutilizzata. Per maggiori informazioni fare riferimento all’articolo “Nikon D7000: Regolazione ISO Agevolata

Menù personalizzazioni > d Ripresa/Display> d3 Display ISO e regolazioni> Mostra ISO/ISO agevolato

Mio Menù

Menù personalizzato che fornisce accesso rapido fino a 20 opzioni, selezionate da: Menù visione play, Menù di ripresa, Menù personalizzazioni, Menù Impostazioni e Menù di ritocco. Consente in pratica di creare delle scorciatoie alle opzioni da Menù usate più frequentemente. Per maggiori informazioni fare riferimento all’articolo “Nikon D7000: Risparmiare tempo con Mio menù

Mio Menù

Ruolo card nello slot 2

Personalmente, la possibilità di disporre contemporaneamente di due schede di memoria è uno degli altri aspetti che più mi piacciono. In pratica è possibile configurare la Nikon D7000 affinché salvi sulla seconda scheda una copia identica degli scatti presenti sulla prima (backup), oppure, usare la seconda scheda come estensione della prima continuando a salvare gli scatti sulla seconda quando la prima scheda non avrà più spazio a disposizione (eccedenza.) La terza opzione consente invece di indicare alla Nikon D7000 di salvare il file RAW nella prima scheda e il file JPG nella seconda (solo RAW+JPG.) Per maggiori informazioni fare riferimento all’articolo “Nikon D7000: Ruolo Card nello Slot 2

Menù di ripresa > Ruolo card nello slot 2

16 thoughts on “Come Sfruttare al Meglio la nostra Nikon D7000

  1. Complimenti per i consigli che dai. E’ da poco che ho preso la D7000, Molti per foto naturalistiche usano Priorità di diaframma, priorità al fuoco, Af C, area dinamica, punti 39. Tu dici che nelle impostazioni in oasi, salvi le tue impostazioni con punti 9 e priorità allo scatto (non rischi le foto fuori fuoco?), mi puoi spiegare perchè?
    Ciao e grazie.

    1. Salve Roberto, Benvenuto!

      No, perché le foto dovrebbero venire non a fuoco?

      In AF-C la Nikon D7000 attiva la messa a fuoco a inseguimento predittivo, per prevedere la distanza finale del soggetto e, se necessario, regolare la messa a fuoco.

      Se il soggetto si sposta brevemente dal punto AF selezionato la fotocamera metterà a fuoco basandosi sulle informazioni relative ai punti AF circostanti. Il numero di punti AF varia a seconda del modo selezionato.

      Perché uso area dinamica a 9 punti invece di area dinamica a 39 punti?

      In linea generale meno punti AF usi e più reattiva risulta la messa a fuoco.

      La Nikon D7000 considera ha solo 9 punti AF del tipo a croce corrispondenti ai 9 punti AF centrali, la precedente Nikon D3000 aveva esclusivamente un singolo punto AF a croce corrispondente invece al punto AF centrale (N.d.r.)

      Ovviamente, vi sono situazioni nelle quali il soggetto per le sue ridotte dimensioni e spostamenti repentini, come un piccolo uccello in volo, può facilmente uscire dai 9 punti AF selezionati. In una situazione simile è consigliabile piuttosto usare area dinamica a 21 o 39 punti.

      Perché in AF-C assegno la priorità allo scatto anziché alla messa a fuoco?

      Il motivo è dettato dal fatto che in AF-C la priorità alla messa a fuoco può rallentare la raffica, la Nikon D7000 in pratica cerca con meticolosità e continuamente la messa a fuoco perfetta ma non scatta fino a quando non l’ha ottenuta.

      Questo implica che in una raffica la Nikon D7000 possa non scattare solo perché non ha avuto il tempo di eseguire una messa a fuoco perfetta quando in realtà il soggetto risultava già sufficientemente a fuoco.

      In AF-C una volta attivata la messa a fuoco a inseguimento predittivo fin tanto che il soggetto rimane all’interno dei punti AF selezionati la messa a fuoco è garantita. Inoltre in una raffica è difficile considerata la cadenza degli scatti che il soggetto possa avere tempo sufficiente ad uscire dai punti AF selezionati e la messa a fuoco risultare compromessa.

      Sì, magari in una raffica ci potrà essere uno scatto o forse due non perfettamente a fuoco ma questo è irrilevante in quanto avrò immortalato l’azione o il movimento. Viceversa, posso perdere degli scatti importanti solo perché avendo dato la priorità alla messa a fuoco, anziché la priorità allo scatto, la Nikon D7000 mi ha impedito di scattare al momento opportuno.

      Cosa diversa quando si fotografa in condizioni di luce scarsa, in tale circostanza dare la priorità alla messa a fuoco è preferibile in quanto un’esitazione della messa a fuoco a inseguimento predittivo, avendo dato la priorità allo scatto, non verrebbe corretta e potrebbe risultare un soggetto non a fuoco.

      Avevi già letto l’articolo Impostazioni Autofocus Nikon D7000?

  2. Salve Alessio, sto per acquistare una D7000 ma visto il costo degli obbiettivi originali vorrei prendere i Tamron 10-24 3.5-4.5 ed il 70-300 4-5.6 il rivenditore mi assicura che sono allo stesso livello degli originali. cosa mi consigli ? Valter

    1. Salve Valter, benvenuto!

      Mi spiace, non conosco le lenti in esame. Quanto possano essere simili ai corrispettivi Nikkor credo sarebbe tutto da verificare. Tuttavia, sapendo quanto sia “esigente” la Nikon D7000 le consiglio anzitutto di verificarne il comportamento prima di procedere ad un acquisto.

  3. posseggo una d7000 e’la uso prevalentemente per fotografare iragazzi della mia squadra ciclistica,ma’ trovo delle grandi difficolta’ nella messa a fuoco delle immagini in movimento.ho provato varie soluzioni ma’ trovo ancora dei problemi……
    mi potete consigliare quale programma adottare per risolvermi il problema?
    grazie….ap

  4. ciao ho provato diverse volte ma non mi riesce memorizzare le funzioni su u1 e u2 per esempio come faccio a mettere priorita di diaframma o di tempi a me viene solo la p

  5. Caro Alessio, provengo da Nikon D3100 e fra fotocamere da mè prese in considerazione, oltre a D5300, c’è proprio la D7000. Ho letto frequenti opinioni in merito all’inconveniente che avrebbe tale fotocamera, cioè l’estrema facilità allo sporco sul sensore. Ovviamente non esistono fotocamere perfette, però questo problema, che costringerebbe l’utente a dover ricorrere all’assistenza con conseguenti perdite di tempo, per limitato che sia, mi allerta non poco. Avrei bisogno di un tuo parere in merito. Grazie e ciao

    1. Salve Giovanni, piacere di conoscerti!

      Pulisco periodicamente il sensore di Nikon D800 da solo non c’è bisogno di mandare in Assistenza. Si tratta per lo più di polvere che dipende principalmente da quanto intensamente viene usata la Reflex. Lo si nota a diaframmi molto chiusi a diaframmi di uso comune è difficile notare la presenza di piccoli granelli di polvere. Procedo con una pulizia quando molto sporco altrimenti per uno o due puntini rimuovo velocemente con lo strumento rimozione polvere di LR.
      In ogni caso di sensori che non si sporcano non ne esistono e nessuna Reflex, in quanto tale, ne è esente.

  6. Ciao Alessio, il piacere di conoscerti è pure mio. Ti ho posto la domanda sulla D7000 perchè mi tenterebbe il suo solo corpo. Posseggo ( non sono proprio fotografo provetto e mi piacerebbe imparare molto di più) una D3100. Ho visto nel mirino 4 o 5 puntini neri che, anche a diaframma molto chiusi, non si vedono allo scatto. Però, nella foto, si vede ciò che si fa fatica a vedere a occhio nel mirino. Quindi il sensore (mai pulito in tre anni) necessita di pulizia. Per quanto concerne i puntini neri (inevitabili granelli di polvere), il fotografo, dove ho portato la fotocamera (non sono, nella pulizia interna, autonomo. Ho timore di rovinare qualcosa e quasi mi vergogno a dirlo), mi ha detto che è “probabile” siano situati sul pentaprisma. In questo caso dovrei spedire in Assistenza. Se non si vedono in una foto, anche se mi danno fastidio, me li tengo. Spedizione e spesa è “gioco che non vale la candela”. La mia richiesta della tua opinione sulla D7000 è stata giustificata, in questo contesto, dall’aver letto troppe e frequenti lamentele per la facile tendenza allo sporco del sensore di questa fotocamera. Ovviamente i vari giudizi vanno pesati e non so se la D7000 sia, a confronto di altre, veramente “un’aspirapolvere”… D’altra parte, non essendo un pulitore di sensori, la cosa mi ha un pò allertato. Concludendo, cosa ne pensi del passaggio (forse troppo abissale…) al corpo D7000 (visto che la nuova D5300 ha un prezzo praticamente quasi uguale) ? Scusa il disturbo, ma prima di spendere è meglio chiedere a chi se ne intende veramente. Sono a tua disposizione se ritenessi utile, per rispondermi, qualche dettaglio da chiedermi. Grazie infinite e ciao.
    N.B. l’opzione “pulizia sensore” della mia D3100 non è servito a nulla. Non so se è totalmente inefficace o limitato per sua natura.
    Giovanni

    1. Se i punti neri che vedi li vedi nel mirino ma poi nella foto non compaiono allora non si tratta di sporco sul sensore. Potrebbe essere polvere presente nel mirino, purtroppo solo le Reflex di fascia PRO consentono di smontare il mirino per la pulizia, oppure sullo specchio. La funzione “Pulisci sensore di immagine” funziona ma solo con quelle particelle di polvere che non hanno avuto modo di fissarsi causa condensa, infatti, quando passiamo da una ambiente caldo a uno freddo o viceversa si formano delle piccole gocce d’acqua che fanno aderire lo sporco alla superficie. È in questi casi che la pulizia del sensore si rende necessaria.
      Onestamente è da preferire la nuova Nikon D7100 alla Nikon D7000, la differenza con una Nikon D3100 è tangibile, e integra lo stesso Modulo AF della Nikon D300s.

    1. Salve Roberto,

      La domanda è piuttosto generica🙂

      Indicativamente, Nikon D7000 impostata in Manuale (M) e tempo di posa regolato su 1/50s. Il tempo di posa infatti va impostato pari al doppio della frequenza fotogrammi che per le TV PAL è di 25FPS (25 X 2= 50); Nikon D7000 consente però il solo formato 1280X720 a 25FPS se non ricordo male. L’esposizione della scena deve partire da questo parametro regolando di conseguenza diaframma e la Sensibilità ISO al fine di esporre correttamente la scena. Ovviamente, questo in riprese in luce diurna comporta l’uso di un filtro ND per ridurre l’intensità della luce e regolare l’esposizione della scena ripresa.

      Un Controllo Immagine Neutro (NL) è da preferire nelle riprese video.

      Per la ripresa audio è invece fondamentale un microfono esterno, infatti, quello integrato catturando il rumore della messa a fuoco automatica comprometterebbe l’audio stesso del video.

      Con questo, nelle riprese video è consigliabile usare la messa a fuoco manuale.

      Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Hey! Hey! Che cosa hai da dire?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...